Blog

La “journogger” siciliana, Valentina Grispo ospite della boutique donna Claudio Miceli
Zoom

La “journogger” siciliana, Valentina Grispo ospite della boutique donna Claudio Miceli

La “journogger” siciliana, Valentina Grispo – IT blogger di Grazia.it, co-founder della free press al femminile Spray Magazine, di un network di blog e della web agency MissMedia – è stata ospite della boutique donna Claudio Miceli per quattro weekend nelle vesti di Personal Shopper.

 

A conclusione di questa esperienza nella boutique della cittadina etnea, la Responsabile Marketing del gruppo intervista Valentina:

 

- Chi è e cosa rappresenta, secondo te, Claudio Miceli? Claudio Miceli non è solo un punto di riferimento per lo shopping, ma è la vetrina anticipatrice delle tendenze di ogni stagione. E’ la certezza di trovare i brand storici accanto alle proposte dei giovani designer.

 

- In qualità di personal shopper hai trascorso numerosi pomeriggi nella boutique donna Claudio Miceli. Cosa ti ha colpito di più? Mi ha colpito la fidelizzazione del cliente; le venditrici che non si limitano ad assecondare le richieste di chi hanno di fronte, che lo seguono passo passo offrendo una shopping experience che va dall’abito agli accessori partendo dalla personalità.
Poi naturalmente la selezione dei brand da offrire, la scelta accurata delle collezioni da proporre stagione dopo stagione. La verità è che Claudio e Mimma Miceli sono mossi da autentica passione e curiosità che è la vera anima, della loro attività che è cuore, prima che business.

 

- Claudio Miceli, da 33 anni presente sul territorio di Zafferana Etnea, propone diversi brand nazionali e internazionali di alta moda. Quali preferisci e cosa consiglieresti ai tuoi followers? Io adoro le fantasie di Missoni, amo Dondup e il casual chic di Fabiana Filippi e Max Mara. Una chicca: le scarpe di Tipe e Tacchi hanno un rapporto qualità prezzo eccezionale!

 

- Un’azienda che riflette la personalità di Claudio Miceli, in cui i valori sono importanti, l’etica ha un ruolo predominante nella gestione delle risorse e il legame con il territorio è indissolubile: oggi, secondo te, questo vuol dire ancora essere all’avanguardia? Una pianta con radici solide è una pianta sana; le radici, i valori, la tradizione, la consapevolezza del territorio in cui ci si muove, sono fondamentali per poter guardare avanti, per poter immaginare e costruire un futuro facendo coesistere ieri, oggi e domani.

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *